News

Accertamento fiscale: disposta l’erogazione ai comuni del contributo per le segnalazioni qualificate

Con provvedimento del 6 settembre 2018 è stata disposta l'erogazione del contributo, anno 2018, spettante ai comuni per la partecipazione dei medesimi all’attività di accertamento fiscale e contributivo per l’anno 2017. Lo rende noto il Dipartimento per gli Affari Interni del Viminale con un comunicato del 12 settembre.

Gli enti locali possono trasmettere all’Agenzia delle entrate o alla Guardia di Finanza segnalazioni qualificate mediante l’utilizzo di appositi canali telematici con le modalità stabilite dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 3 dicembre 2007 n. 187461.

Tali informazioni sono costituite non solo da dati anagrafici ma anche da qualsiasi segnalazione di atti e negozi sospetti che evidenziano, senza ulteriori elaborazioni logiche, comportamenti evasivi ed elusivi.

Dal canto suo, per favorire una efficace interazione, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei comuni l’accesso ai dati presenti in anagrafe tributaria.

 

Gli ambiti di intervento, rilevanti sia per le attività istituzionali dei comuni che per quelle di controllo fiscale sono le seguenti

 

a) commercio e professioni;

b) urbanistica e territorio;

c) proprietà edilizie e patrimonio immobiliare;

d) residenze fittizie all’estero;

e) disponibilità di beni indicativi di capacità contributiva.

 

Gli importi attribuiti a ciascun ente per il contributo 2018 sono stati comunicati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con prospetto allegato alla comunicazione del Dipartimento per gli Affari Interni del 12 settembre.

Leggi dopo