News

Firmato il protocollo d’intesa fra CNDCEC e Borsa italiana per la crescita delle PMI

Massimo Miani, presidente del CNDCEC e Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa italiana e presidente di Elite, hanno firmato lunedì, a Palazzo Mezzanotte, un protocollo d’intesa con la finalità di favorire nelle PMI una solida cultura relativa alla finanza alternativa e ai canali di finanziamento alternativi a quello bancario.

 

Il progetto prevede un’attività di sensibilizzazione dei commercialisti e delle loro aziende clienti in merito alle opportunità offerte dal programma Elite attraverso la promozione della formazione, presso i commercialisti, di competenze adeguate a supportare le PMI nell’accesso a strumenti di finanza alternativa.

 

I commercialisti daranno un primo contributo nel valutare l’ammissibilità delle società clienti al programma Elite e la possibilità di quotare strumenti di debito ed equity sui mercati gestiti da Borsa italiana.

 

ELITE è il programma internazionale di Borsa Italiana nato nel 2012, in collaborazione con Confindustria, per supportare le aziende nella realizzazione dei loro progetti di crescita e consiste in un servizio di assistenza alle imprese volto a promuoverne la crescita anche attraverso l’accesso a forme di finanza tra cui il private placement e la quotazione sui mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana.

 

“Siamo molto felici di questa partnership tra Borsa Italiana, Elite ed il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili – ha affermato Raffaele Jerusalmi –. L’intesa che sigliamo oggi ha la finalità di consolidare e valorizzare la collaborazione con il CNDCEC e gli Ordini territoriali per favorire il diffondersi di una solida cultura degli strumenti di finanza per la crescita ed aumentare l’accesso a canali di finanziamento alternativi a quello bancario. Siamo infatti convinti che lo sviluppo economico del Paese, dei vari distretti industriali e delle singole aziende verrebbe favorito da un accesso sempre maggiore al mercato dei capitali”.

Leggi dopo