News

Impairment test: in consultazione la bozza del discussion paper OIV

OIV (Organismo Italiano di Valutazione) ha pubblicato la bozza di discussion paper redatto insieme a Nedcommunity (l’associazione italiana degli amministratori non esecutivi e indipendenti) dal titolo “Impairment test ai sensi dello Ias 36. Linee guida per gli organi di amministrazione e controllo, il management e l’esperto di valutazione interno o esterno”.

 

Scopo del documento è di “fornire linee guida in merito a quelle aree del processo di impairment test ai sensi dello IAS 36, per le quali spesso si riscontrano prassi piuttosto disomogenee, talvolta  a scapito degli obiettivi di trasparenza, chiarezza e completezza che dovrebbero caratterizzare l’intero processo”.

 

Il documento è rivolto a quattro delle cinque categorie di soggetti  coinvolti nel processo di impairment test:

 

  • organo  di amministrazione, 
  • organo di controllo,  
  • management, 
  • esperti di valutazione. 

 

Il discussion paper non è indirizzato alle  società di revisione, la cui attività è disciplinata dal principio di revisione internazionale (ISA Italia) 540  “Revisione delle stime contabili, incluse le stime contabili del fair value, e della relativa informativa”. 

Come precisato nell’introduzione.  il discussion paper non affronta le tematiche di teoria e di tecnica valutativa connesse alla  stima del valore recuperabile - per le quali si rinvia al  Discussion Paper di OIV “Impairment test dell’avviamento in contesti in cui è rilevante e/o critico” - ma ha ad oggetto le attività che precedono, disciplinano e seguono la stima del valore recuperabile e  che sono  articolate in quattro fasi principali, temporalmente successive: 

 

  • la fase delle analisi che precedono la definizione della procedura,
  • la fase  della definizione della procedura,
  • la fase dell’informazione prospettica e della stima del valore recuperabile,
  • la fase dell’analisi dei risultati e della disclosure di bilancio.

 

Oiv invita ad inviare le lettere di commento entro il 31 marzo.

Leggi dopo