News

Separazione contabile delle società a partecipazione pubblica

Le società a controllo pubblico devono adottare un sistema di contabilità analitica idoneo a rilevare le poste patrimoniali ed economiche delle attività protette da diritti speciali o esclusivi distintamente dalle poste patrimoniali ed economiche delle attività svolte in regime di economia di mercato (c.d. obbligatorietà della separazione contabile ex art. 6 c. 1 D.Lgs. 175/2016 c.d. TUSP – Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica).

 

Le regole di tale sistema di rendicontazione sono definite dalla Direttiva sulla separazione contabile emanata dal Mef – Dipartimento del Tesoro, il 9 settembre 2019 che contiene anche gli schemi di conto economico e di stato patrimoniale separati, conformi alle indicazioni della direttiva.

 

I conti annuali separati sono sottoposti a revisione legale dei conti effettuata dallo stesso soggetto cui è affidata la revisione legale del bilancio di esercizio. La relazione del soggetto incaricato della revisione legale dei conti fornisce il giudizio di conformità dei conti annuali separati alla suddetta direttiva evidenziando eventuali modifiche al giudizio e/o richiami di informativa.

Le società rendono pubbliche le risultanze relative al comparto della produzione protetta da diritti speciali o esclusivi, contestualmente ai documenti e agli allegati dei bilanci.

La direttiva si applica con riferimento agli elementi contabili dei bilanci relativi agli esercizi successivi a quello in corso al 31 dicembre 2019.

Leggi dopo