Osservatorio Revisione

L’indipendenza del revisore legale

Sommario

Disciplina dell’indipendenza del revisore legale | Situazioni che possono compromettere l’indipendenza e procedure per limitare il rischio | L’indipendenza e l’obiettività nei principi di revisione | L’indipedenza del sindaco revisore | Disciplina dell’indipendenza per i revisori legali degli enti di interesse pubblico | Conclusioni |

 

L’indipendenza del revisore costituisce un tema di particolare rilevanza, in quanto rappresenta un requisito fondamentale che consente al revisore di poter svolgere il proprio incarico con il dovuto scetticismo professionale, presupposto necessario per garantire controlli appropriati e conclusioni ragionevolmente oggettive. 

L’indipedenza del revisore è disciplinata dagli articoli 10, 10 bis e 10 ter del D.Lgs. n.39/2010 e per quanto riguarda gli enti di interesse pubblico, dall’art.17 del citato decreto.

Il tema dell’indipendenza è affrontato dai seguenti principi di revisione: principio internazionale sul controllo della qualità ISQC Italia 1, principi di revisione internazionale ISA ITALIA 200 e 220.

Inoltre, al sindaco che riveste la carica di revisore sono altresì applicabili l’art.2339 c.c. e le norme di comportamento del collegio sindacale di società non quotate. 

Leggi dopo