Bussola

Vidimazione registri

24 Agosto 2014 |

Sommario

Introduzione | Numerazione e bollatura | Disciplina civilistica | Libri IVA | I registri tenuti ai fini delle Imposte sui Redditi | Libro giornale sostitutivo dei registri IVA | Modalità di numerazione delle pagine | Diritti ed Imposte | Efficacia probatoria delle scritture contabili | Effetti della soppressione della bollatura sul piano sanzionatorio | Violazione dell’obbligo della numerazione | Riferimenti |

 

A decorrere dal 25 ottobre 2001 è stato soppresso l’obbligo della bollatura del libro giornale, del libro inventari e dei libri previsti dalla normativa fiscale, anche se è rimasto l’obbligo della numerazione progressiva delle pagine. Tali modifiche abrogative sono state disposte dall’art. 8, Legge 18 ottobre 2001, n. 383 Il provvedimento legislativo: ha sostanzialmente riscritto tre norme: l’art. 2215 c.c.; il primo comma dell’art. 39, D.P.R. n. 633/1972, concernente l’istituzione e la disciplina dell’imposta sul valore aggiunto il primo comma dell’art. 22, D.P.R. n. 600/1973, recante disposizioni in materia di accertamento sulle imposte dei redditi; ha aggiunto una nuova nota (la n. 2-bis) all’articolo 16 della Tariffa, parte prima, annessa al D.P.R. n. 642/1972, concernente la disciplina dell’imposta di bollo. Sono dunque riepilogati tutti quelli che sono gli adempimenti in merito alla tenuta, alla bollatura (quando richiesta) e alla numerazione dei libri sociali, dei registri e delle scritture contabili, con particolare riferimento alle disposizioni dettate dall’art. 8, Legge n. 383/2001. La Circolare n. 92/2001 dell’Agenzia delle Entrate ha precisato che la bollatura facoltativa dei libri contabili e quella obbligatoriamente prevista da leggi speciali sono di competenza d...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >