Focus

Focus

La valutazione dei titoli non immobilizzati: il documento interpretativo 4 dell’OIC

17 Giugno 2019 | di Stefano Pasetto

OIC Doc. Interpretativo n. 4 del 29-4-2019.pdf

OIC 20 - Titoli di debito

I criteri di valutazione per i titoli non immobilizzati alla luce della deroga concessa dalla L. 136/2018.

Leggi dopo

Aggiornamento principi contabili degli enti locali

08 Giugno 2019 | di Paolo Biancone, Silvana Secinaro, Daniel Iannaci

Decreto ministeriale 01/03/2019 n. 159002

Revisore Enti Locali

I maggiori cambiamenti riguardano il principio concernente la contabilità finanziaria, in particolare la registrazione delle spese di progettazione, l'attivazione del fondo pluriennale vincolato, le modalità di contabilizzazione della spesa di investimenti e i principi della contabilità finanziaria.

Leggi dopo

La procedura di selezione del revisore legale per gli Enti di Interesse Pubblico alla luce del Regolamento Europeo 537/2014

07 Giugno 2019 | di Marco Sorrentino

Regolamento Europeo n. 537/2014
Regolamento Europeo n. 1129/2017

Revisore legale dei conti

A partire dal 21 luglio 2019 aumenta il novero degli EIP esonerati dalla procedura di selezione del revisore legale prevista dal Regolamento Europeo 537/2014. Infatti, il requisito della capitalizzazione media di mercato dei tre anni precedenti passa dal limite di 100 milioni di euro a quello di 200 milioni di euro.

Leggi dopo

Bilancio consolidato: il trattamento contabile delle interessenze degli azionisti non di controllo che detengono diritti alla loro cessione

04 Giugno 2019 | di Elbano De Nuccio, Giovanni D'Erasmo

Bilancio consolidato

Le partecipazioni di minoranza rappresentano il patrimonio netto di una controllata che non è attribuibile direttamente o indirettamente alla controllante. Talvolta gli azionisti non di controllo ricevono opzioni put che conferiscono agli stessi il diritto di vendere alla controllante le proprie azioni nella controllata a un prezzo di esercizio (fisso o variabile) specificato nel contratto di opzione. Di seguito si analizzano gli impatti contabili sul bilancio consolidato.

Leggi dopo

Nuove holding industriali: adempimenti e sanatorie possibili entro il 31 maggio

28 Maggio 2019 | di Andrea Cecchetto

Regimi contabili e fiscali

Il 12 gennaio 2019 è entrato in vigore il D.Lgs 142/2018, che recepisce le Direttive Atad 1 e 2 europee. Il provvedimento rivede la definizione degli intermediari finanziari e colloca al punto c) le società di partecipazione non finanziaria, tra cui rientrano le holding industriali o di famiglia, quando esercitano in via prevalente od esclusiva l’attività di assunzione di partecipazioni in soggetti diversi dagli intermediari finanziari. Molte società, di persone o di capitali, si troveranno a dover gestire, a far data indicativamente dal 30 aprile 2019, nuovi adempimenti relativamente all’Anagrafe Tributaria e alle Indagini Finanziarie, senza scordare ulteriori implicazioni che la qualifica di holding porta con sé. Potrebbe essere l’occasione per conoscere uno strumento, le holding, ancora poco utilizzato.

Leggi dopo

La scelta degli indicatori di allerta della crisi d’impresa

27 Maggio 2019 | di Luigi Brusa

Key performance indicators

L’articolo ha per oggetto i criteri di scelta degli indicatori con cui monitorare tempestivamente il manifestarsi della crisi d’impresa, come prescritto dal D.Lgs. 14/2019, e dedica particolare attenzione alle PMI. Di tale scelta si approfondiscono le linee guida già delineate in un precedente articolo e si individuano sia i fondamentali macro-indicatori (a cominciare dal cash flow sintetico e analitico e dall’indice di solidità patrimoniale), sia altri indicatori, più specifici, idonei a mettere in luce i fattori all’origine del rischio di crisi finanziaria dell’impresa. Questi ultimi, essenzialmente di redditività e di situazione finanziaria, vengono esaminati nella loro funzione segnaletica e nelle loro relazioni reciproche e sono ritenuti particolarmente importanti per le PMI, non sempre in grado di monitorare in modo aggiornato il cash flow prospettico dell’impresa.

Leggi dopo

Equity crowfunding: lo studio dei commercialisti

24 Maggio 2019 | di Federico Gavioli

CNDCEC-Equity crowfunding-aprile 2019.pdf

Immobilizzazioni finanziarie

L’equity crowdfunding rappresenta un’innovativa forma di finanziamento per le imprese, che si differenzia dai canali tradizionali di approvvigionamento di capitale di rischio (come per esempio venture capital e business angels), da un lato, per la prevalente partecipazione di investitori non professionali e, dall’altro, per il mezzo scelto, ossia il ricorso a piattaforme on-line in cui si verifica l’incontro tra la domanda e l’offerta; lo studio dei CNDCEC e del FNC analizza tale nuovo strumento di finanziamento che negli ultimi anni sta conoscendo un significativo sviluppo anche in Italia, grazie a un’evoluzione normativa che ne sta supportando l’utilizzo e la diffusione.

Leggi dopo

L’obbligatorietà del controllo di gestione

09 Maggio 2019 | di Luigi Brusa

Controllo

L’articolo verte sull’obbligatorietà del controllo di gestione nelle imprese, alla luce di alcune significative norme che ne disciplinano l’attività. Appurato il suo ruolo in varie condizioni d’impresa – non solo di crisi, ma anche di normale svolgimento della gestione – si definiscono alcune linee-guida, molto generali, rivolte in primis alle imprese di dimensioni minori nella scelta di opportuni indicatori di allerta per la tempestiva rilevazione del sopravvenire dello stato di crisi.

Leggi dopo

La valutazione d'azienda secondo i metodi non tradizionali

07 Maggio 2019 | di Marco Sorrentino

Valutazione d'azienda

Nel corso della vita di un'impresa può essere necessaria la determinazione del suo valore economico, al fine di porre in essere le operazioni di compravendita, riguardanti una parte di azienda, la sua totalità o il valore delle sue quote, oppure le operazioni straordinarie, quali la fusione, la scissione o il conferimento.

Leggi dopo

La valutazione d'azienda secondo i metodi tradizionali

07 Maggio 2019 | di Marco Sorrentino

Valutazione d'azienda

Per calcolare il reale valore di un'azienda, il dato contabile è solamente un punto di partenza, che deve lasciare spazio alla determinazione del valore economico. Tale valore, però, non è univoco, ma cambia in funzione del metodo di valutazione utilizzato, che deve tenere in considerazione le caratteristiche settoriali in cui opera l'azienda ed anche lo scopo finale per cui si procede a tale valutazione.

Leggi dopo

Pagine