Guide agli adempimenti

Guide agli adempimenti su Bilancio d'esercizio

La comunicazione efficace di bilancio

24 Ottobre 2018 | di Matteo Ogliari

Bilancio d'esercizio

L’obiettivo del bilancio è fornire ai suoi utilizzatori informazioni utili nel prendere decisioni relative all’erogazione di risorse alla società. Le principali critiche rivolte al contenuto informativo del bilancio possono essere riassunte come di seguito: i) informazioni non abbastanza rilevanti; ii) troppe informazioni irrilevanti; e iii) informazioni fornite in modo inefficace. Nel presente scritto si identificano le principali criticità della comunicazione di bilancio, se ne analizzano le cause e si tratteggiano alcune delle possibili soluzioni che permetterebbero di trasformare il bilancio da documento di mera “compliance” a strumento di comunicazione efficace.

Leggi dopo

L’impairment test nell’IFRS 9

21 Maggio 2018 | di Francesco Telch

Bilancio d'esercizio

Questo contributo ha l’obiettivo di analizzare una delle principali novità legate all’IFRS 9 (Financial Instruments): l’introduzione di un modello di impairment test delle attività finanziarie basato sul c.d. expected loss model.

Leggi dopo

Il principio di derivazione per i soggetti OIC Adopter

13 Marzo 2018 | di Alessandro Panno

Bilancio d'esercizio

La riforma contabile introdotta con il D.Lgs. 139/2015 e le conseguenti modificazioni dei principi contabili nazionali hanno comportato l'emanazione anche in campo fiscale di una norma di coordinamento della disciplina IRES e IRAP che ha trovato completamento nel DL 244/2016 e nei decreti attuativi del 3 agosto 2017 e del 10 gennaio 2018. Le nuove fattispecie contabili acquisiscono rilevanza fiscale in virtù del principio di derivazione "rafforzata", già presente nell’art. 83 del Testo unico per i soggetti IAS/IFRS, ora esteso anche ai soggetti che redigono il bilancio secondo i principi contabili nazionali, diversi dalle micro-imprese; in base a tale principio, i criteri di qualificazione, imputazione temporale e classificazione in bilancio previsti dai nuovi principi contabili OIC assumono rilevanza anche ai fini della determinazione del reddito imponibile, anche quando questi non risultino allineati con i criteri previsti in particolare dai commi 1 e 2 dell’art. 109 del Tuir. Oltre a specifici interventi di coordinamento di diversi articoli del Testo Unico resi necessari dai rinnovati criteri di valutazione e rappresentazione, anche il principio di competenza (l'art. 109, commi 1 e 2) viene derogato dalle nuove norme, complessivamente improntate al recepimento di un modello contabile basato sulla prevalenza della sostanza economica sulla forma giuridica delle operazioni aziendali.

Leggi dopo

L’applicazione dell’IFRS 9 alle imprese non finanziarie

26 Febbraio 2018 | di Matteo Ogliari

Bilancio d'esercizio

Nel luglio 2014, l’International Accounting Standards Board (di seguito anche “IASB”) ha pubblicato la versione finale dell’IFRS 9 – Strumenti finanziari (di seguito anche “IFRS 9” o “Principio” o “Standard”). Il documento accoglie i risultati del progetto intrapreso dallo IASB volto alla sostituzione dello IAS 39 – Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione (di seguito anche “IAS 39”) in vigore fino al 31 dicembre 2017. Il nuovo Principio è entrato in vigore il 1° gennaio 2018.

Leggi dopo

L’obbligo di rendicontazione delle informazioni non finanziarie nei bilanci di esercizio

31 Gennaio 2018 | di Marcella Carena

Bilancio d'esercizio

La rendicontazione delle informazioni non finanziarie è disciplinata dal D.Lgs.n.254/2016 che ha recepito nel nostro ordinamento la direttiva comunitaria 2014/95/UE. L’adempimento si applica agli esercizi finanziari che decorrono dal 1° gennaio 2017 e consiste in sintesi nell’obbligo di redazione di una dichiarazione contenente una serie di informazioni di natura non finanziaria (temi ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva). Tale dichiarazione deve essere redatta per ogni esercizio finanziario e può essere individuale, cioè relativa alla singola società, oppure consolidata ovvero riferita ad un gruppo di società. Le informazioni possono essere contenute nella relazione sulla gestione o in documenti separati. Il mancato rispetto dell’obbligo informativo è sanzionato sia in capo agli amministratori che ai sindaci

Leggi dopo

Riforma del Terzo settore: contabilità e bilancio degli ETS

19 Dicembre 2017 | di Fabrizio Papotti , Antonella Tarsia Morisco

Bilancio d'esercizio

Il Codice del Terzo settore (D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117) prevede alcune disposizioni relative alla tenuta della contabilità ed alla redazione del bilancio. Tale disciplina deve essere letta tenendo in considerazione le caratteristiche e le finalità precipue degli enti a cui è destinata. Così, mediante la tenuta di una contabilità separata è possibile rilevare distintamente i fatti amministrativi relativi all’attività istituzionale rispetto a quelli relativi all’attività commerciale. Allo stesso modo, al bilancio degli ETS, sia nella forma di rendiconto finanziario per cassa che di bilancio composto da stato patrimoniale, rendiconto finanziario e relazione di missione, sono applicabili i principi contabili introdotti dal D.Lgs. 139/2015, con le particolarità dettate, da una parte, dalla necessità di perseguire l’economicità, l’efficacia e l’efficienza della gestione e, dall’altra parte, dalle caratteristiche che differenziano gli ETS dalle società commerciali.

Leggi dopo

Criticità legate alla chiusura dei bilanci al 31 dicembre 2017, in relazione ai principi contabili internazionali IAS/IFRS

14 Dicembre 2017 | di Paola Pedotti

Bilancio d'esercizio

L’obiettivo di questa guida è fornire una sintesi degli aspetti di maggiore attualità e rilevanza in materia di applicazione dei principi contabili internazionali ai bilanci per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2017.

Leggi dopo

Bilancio di Previsione: importanza nella prospettiva della continuità aziendale e dei nuovi OIC 2016

29 Novembre 2017 | di Marco Ghitti, Elisa Gazzani

Bilancio d'esercizio

Con il termine “bilancio di previsione” solitamente si intende il documento contabile in cui viene esposta, in maniera sistematica, la modalità attraverso cui avviene il reperimento e l’impiego delle risorse pubbliche. Tale documento rappresenta il principale riferimento per l’allocazione, la gestione ed il monitoraggio di entrare ed uscite degli enti territoriali, i loro organismi strumentali ed i loro enti strumentali in contabilità finanziaria. Secondo le disposizioni attualmente vigenti, tale documento viene redatto annualmente, con un orizzonte temporale triennale. È quindi, a tutti gli effetti, un documento “programmatico”.

Leggi dopo

La gestione contabile delle azioni proprie

24 Ottobre 2017 | di Gabriele D’Alauro

D.Lgs. n. 139/2015

Bilancio d'esercizio

Il Decreto Legislativo 18 agosto 2015, n. 139, nell’ambito delle modifiche apportate alle norme del codice civile sul bilancio d’esercizio in attuazione della Direttiva 2013/34/UE, ha innovato le modalità di registrazione ed esposizione in bilancio delle azioni proprie. Esse non devono più essere rilevate nell’attivo a fronte della costituzione di una riserva indisponibile, bensì a diretta riduzione del patrimonio netto mediante l’imputazione ad una specifica riserva di segno negativo, comportando altresì modifiche nella contabilizzazione delle operazioni successive al loro acquisto.

Leggi dopo

Gli effetti del Milleproroghe sui bilanci d'esercizio 2016

30 Marzo 2017 | di Pierangelo Reale

Bilancio d'esercizio

La recente conversione cd. Milleproroghe ha introdotto, tra gli altri, l’art 13-bis “Coordinamento della disciplina in materia di IRES e IRAP con il Decreto Legislativo n. 139/2015”, con l’intento di coordinare la disciplina fiscale in tema di imposte dirette con le nuove regole di redazione del bilancio e degli aggiornati OIC emanati a dicembre 2016. Il contributo tratta specificatamente i temi connessi agli effetti del Decreto Milleproroghe ai fini IRES in materia di interessi (ex art. 96 TUIR), la gestione transitoria dei costi patrimonializzati in esercizi anteriori al 1/1/2016 (ex art. 109, co. 4, TUIR) e le spese relative a più esercizi (ex art. 108 TUIR) ed ai fini della determinazione della base imponibile IRAP.

Leggi dopo

Pagine