Bussola

OIC 16 - Immobilizzazioni materiali

Sommario

Inquadramento | La definizione di “immobilizzazioni materiali” e la loro classificazione in bilancio | La rilevazione iniziale: l’acquisizione delle immobilizzazioni materiali | Le valutazioni e le rilevazioni successive | Le operazioni di manutenzione su immobilizzazioni materiali | L’ammortamento delle immobilizzazioni materiali | Le svalutazioni / le rivalutazioni delle immobilizzazioni materiali | Le perdite di immobilizzazioni materiali | Le alienazioni di immobilizzazioni materiali | Le informazioni in nota integrativa |

 

Come noto, le società – diverse da quelle che per obbligo di legge (o facoltà) adottano i principi contabili IAS/IFRS per la redazione del proprio bilancio d’esercizio (v. articolo 2 del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n. 38) – devono elaborare quest’ultimo secondo i principi e le disposizioni contabili contenuti nel codice civile, che, in ragione della loro “limitata” articolazione, necessitano inevitabilmente di interpretazione e integrazione. Al riguardo, si inserisce l’Organismo Italiano di Contabilità (OIC), a cui il Legislatore, con la lettera a) del 1° comma dell’articolo 9-bis del richiamato D.Lgs. 28 febbraio 2005, n. 38, ha riconosciuto il ruolo di soggetto preposto all’emanazione di “principi contabili nazionali, ispirati alla migliore prassi operativa, per la redazione [proprio] dei bilanci secondo le disposizioni del codice civile”. Conseguentemente, i principi emanati dall’OIC, pur non rappresentando espressamente una norma di legge, costituiscono oggigiorno un imprescindibile punto di riferimento per la redazione del bilancio secondo le disposizioni civilistiche. Ciò premesso – cogliendo l’occasione degli emendamenti apportati lo scorso 29 dicembre 2017 dall’OIC ai propri principi contabili nazionali, al fine di tenere conto delle risultanze nel frattempo emerse dall’“...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >