Procedure di validità e di conformità

30 Aprile 2018 | Principi di revisione | di Marco Sorrentino

Principio ISA Italia 330

Elementi probativi nella revisione

Come indicato dall’ISA Italia 330 l’obiettivo del revisore è quello di acquisire elementi probativi sufficienti ed appropriati sui rischi identificati e valutati di errori significativi, mediante la definizione e la messa in atto di risposte di revisione appropriate a tali rischi. Per raggiungere tale obiettivo vengono adottate delle procedure di conformità e delle procedure di validità.

Leggi dopo

Prefazione alle pronunce internazionali IAASB

20 Aprile 2018 | Principi di revisione | di Davide Attilio Rossetti , Stefano Guarino

Principi di revisione

Oggetto del presente commento è la “Prefazione alle pronunce internazionali in tema di controllo della qualità, revisione contabile completa, revisione contabile limitata, altri incarichi di assurance e servizi connessi” (di seguito, la “Prefazione”). Scopo della Prefazione è di fornire all’interprete uno strumento di comprensione dell'oggetto e dell’autorevolezza delle pronunce emanate dall'International Auditing and Assurance Standards Board (IAASB). La prefazione prende in considerazione le pronunce dello IAASB, distinguendo tra pronunce autorevoli dello IAASB e materiale non autorevole. Il presente commento esamina inoltre il processo di approvazione delle pronunce autorevoli (c.d. due process), tema correlato a quello affrontato nella Prefazione.

Leggi dopo

Politiche di Bilancio e Frodi: la disciplina dell'ISA Italia 240

10 Aprile 2018 | Principi di revisione | di Marco Sorrentino

Principio ISA 240

Principi di revisione

L'ISA Italia 240 pone l'accento su alcune fattispecie che possono verificarsi in azienda e a cui il revisore deve prestare particolare attenzione. Tra queste vengono individuate le politiche di bilancio, gli errori significativi e le frodi. La presenza di queste ultime, seppur non direttamente facenti parte del lavoro del revisore, deve, comunque, essere attentamente verificata.

Leggi dopo

Il Campionamento (ISA Italia 530)

07 Febbraio 2018 | Principi di revisione | di Marco Sorrentino

Revisore legale dei conti

Il revisore, durante la fase di pianificazione, dopo aver stabilito il livello di significatività e calcolato il rischio, deve procedere con i test di conformità e di validità. Per farlo, non potendo revisionare tutta l'azienda, deve prendere a riferimento un campione rappresentativo, così da poter espandere alla totalità delle voci i risultati ottenuti, facendo attenzione a non incorrere in errori e in giudizi non conformi.

Leggi dopo

L’applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) ai fini dello svolgimento della revisione legale dei conti

15 Gennaio 2018 | Principi di revisione | di Claudio Sottoriva

Revisore legale dei conti

Il D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, costituisce il provvedimento di riferimento per lo svolgimento della revisione legale dei conti (costituita dall’insieme delle attività finalizzate alla verifica nel corso dell'esercizio la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili e nella espressione, con apposita relazione (la c.d. “relazione di revisione”) di un giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato, ove redatto), prevede all’art. 11, comma 1, che la stessa sia svolta in conformità ai principi di revisione internazionali adottati dalla Commissione europea ai sensi dell’art. 26, paragrafo 3, della direttiva 2006/43/CE, come modificata dalla direttiva 2014/56/UE.

Leggi dopo

Principio di revisione internazionale ISA 505: le procedure di conferme esterne

20 Dicembre 2017 | Principi di revisione | di Davide Attilio Rossetti , Stefano Guarino

Elementi probativi nella revisione

Il principio di revisione internazionale n. 505 (“Principio 505”) – in vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1° gennaio 2015 – riguarda l’utilizzo da parte del revisore delle procedure di richiesta di conferma esterna. Si tratta delle procedure c.d. di “circolarizzazione”, volte ad acquisire elementi probativi in conformità ai principi di revisione internazionali (ISA Italia) n. 3301 e n. 500.2. Esulano, invece, dall’ambito di applicazione del Principio 505 le indagini in merito a contenziosi e contestazioni, oggetto del principio di revisione internazionale (ISA Italia) n. 501.3.

Leggi dopo

Novità introdotte dal principio di revisione internazionale ISA 710

14 Novembre 2017 | Principi di revisione | di Roberto Berardo

Principi di revisione

Il principio di revisione internazionale (ISA Italia) n. 710 si occupa di illustrare le responsabilità in capo al revisore contabile relativamente alle informazioni comparative. Le informazioni comparative sono tutti gli importi e le altre informazioni rilevanti di periodi amministrativi precedenti, utili ai fini della revisione del periodo amministrativo corrente; sono un elemento centrale della disciplina di revisione contabile, poiché spesso riflettono circostanze particolari che hanno determinato effetti e modifiche al bilancio presentato alla fine del periodo amministrativo corrente o precedente. È importante sottolineare che, nel caso in cui il bilancio relativo ad uno o più periodi amministrativi precedenti sia stato oggetto di revisione contabile da parte di altro revisore o non sia stato oggetto di revisione contabile, si applica anche il principio di revisione internazionale ISA Italia n. 510 “Primi incarichi di revisione contabile – Saldi di apertura”.

Leggi dopo

Le verifiche periodiche della contabilità: ISA Italia 250 B

03 Novembre 2017 | Principi di revisione | di Amedeo Mellaro

Revisore legale dei conti

Il principio ISA Italia n. 250/B, reso obbligatorio a partire dal 1 gennaio 2015, introduce le modalità con cui devono essere effettuate le verifiche periodiche sulla corretta tenuta della contabilità sociale, attività che il revisore deve svolgere, nell’ambito di un incarico di revisione legale. Obbiettivo del presente elaborato è quello di ripercorrere con taglio operativo le molteplici verifiche che il revisore deve attentamente pianificare in sede di accettazione dell’incarico o rinnovo dello stesso, il tutto coadiuvato dalla presenza di checklist e carte di lavoro.

Leggi dopo

L’ISA 700 modifica il format della Relazione sulla revisione contabile del Bilancio

18 Ottobre 2017 | Principi di revisione | di Pierangelo Reale

Giudizio e relazione sul bilancio

Il D.lgs 17 luglio 2016, n. 135 in attuazione della Direttiva 2014/56/UE (c.d. Direttiva Auditing), modifica il D.lgs 27 gennaio 2010, n. 39 da cui deriva la revisione degli ISA in allora vigenti. Tra i principi oggetto di revisione o di nuova emanazione vi rientra la nuova versione dell’ISA 700 che vede, tra le principali novità apportate, l’individuazione di un nuovo format per la Relazione sulla revisione contabile del Bilancio. Il nuovo formato assolve all’obiettivo di porre in maggior risalto il giudizio espresso. Le possibilità di giudizio che il revisore può esprimere sono: 1- giudizio senza modifica; 2- giudizio con modifica; 3- giudizio negativo; 4- impossibilità ad esprimere un Giudizio. Nello specifico, l’ISA 700 tratta la casistica che risponde al “Giudizio senza modifica” mentre, con riferimento alle altre fattispecie, oltre al giudizio espresso in funzione dell’ISA 700, trova integrazione l’ISA 705 “Modifiche al giudizio nella relazione del revisore indipendente”. Nel presente articolo si analizzano le principali novità apportate all’ISA 700 oggetto di revisione intervenuta nel corso del 2016.

Leggi dopo

Novità introdotte dal principio di revisione internazionale ISA 701

17 Ottobre 2017 | Principi di revisione | di Roberto Berardo

Revisore legale dei conti

Il principio di revisione internazionale (ISA Italia) n. 701 si occupa di illustrare gli elementi principali in merito ai compiti del revisore relativamente agli aspetti chiave della revisione contabile all’interno della relazione di revisione. L’inserimento all’interno della stessa degli aspetti chiave è finalizzato ad accrescere il livello in termini di comunicazione, allo scopo di fornire una maggiore trasparenza; tali informazioni aggiuntive si rendono utili per i potenziali utilizzatori del bilancio per comprendere meglio gli aspetti significativi rispetto al periodo amministrativo in esame, sviscerare all’interno dell’impresa le aree di bilancio che hanno comportato valutazioni significative e approfondire con gli organi direttivi relativi alla governance gli aspetti più importanti.

Leggi dopo

Pagine